Passa ai contenuti principali

L'opinione. Il sindacalista ivoriano: «Salvini, noi immigrati sfruttati». E la sinistra gli plaude



Aboubakar Soumahoro è oggi un nome, anche se non ancora conosciuto da molti, che piace pronunciare per rappresentare il PD. Dirigente del sindacato autonomo Usb, Soumahoro è italo - ivoriano, di cittadinanza italiana, ha 38 anni e, dopo aver partecipato a scioperi e manifestazioni per ricordare l'omicidio di Soumaila Sako, attivista ventinovenne malese in forze presso il suo stesso sindacato, ucciso lo scorso 2 giugno a San Calogero (nel Vibonese) in una sparatoria, continua la sua lotta per difendere i diritti dei braccianti agricoli sfruttati nelle Piana di Gioia Tauro e costretti a vivere in condizioni precarie nella tendopoli di San Ferdinando. Dopo la frase del Ministro degli Interni Salvini, la nota «la pacchia è finita (…). I migranti hanno mangiato alle spalle del prossimo troppo abbondantemente», Soumahoro, durante lo sciopero dello scorso 4 giugno, ha replicato: «Salvini dichiara che la pacchia è finita. Per lui, non per noi. Soumaila era un cittadino, un bracciante, un lavoratore. Non era un extracomunitario, ma una persona (…)». 


Soumahoro. 


Nella trasmissione "Propaganda Live" (in onda su LA7, canale 7 del DTT), il Sindacalista italo - ivoriano ha rincarato la dose: «In Italia, la sinistra non c'è. Va ricostruita a partire dai luoghi e dalle contraddizioni sociali. Bisogna partire dalle periferie, dalle aree rurali, da quei luoghi sperduti sui quali i riflettori non si accendono, fin quando un lavoratore non viene fucilato? La sinistra cos'è, se in quei luoghi si dà per assente?». Inoltre, il dirigente dell'Usb si toglie qualche altro sassolino dalla scarpa, ricordando che il suo collega deceduto, Sako, era in regolare possesso di un permesso di soggiorno e sempre in prima linea nella lotta allo sfruttamento. Soumahoro, in un'altra conversazione giornalistica, ha ricostruito quanto accaduto il giorno primo del delitto dell'amico: «Questa persona (ndr, ci si riferisce all'assassino di Sako) si presenta, spara, colpendo alla testa Soumaila. È di questo, in sintesi, che stiamo parlando. Che poi qualcuno dica "non si tratta di un omicidio a sfondo razziale" vuol dire che quel qualcuno ha dei sospetti, che quel qualcuno vuole giustificarsi, che quel qualcuno ha capito che tutto questo è avvenuto nel momento in cui Salvini esclamava "è finita la pacchia».
 In più, lo stesso sindacalista Soumahoro ha tenuto a precisare di non aver mai conosciuto la pacchia, poiché ha sempre lavorato in condizioni di schiavitù come raccoglitore di agrumi e pomodori per pochi spiccioli al giorno: «questo - spiega - per colpa di una legge schiavista di derivazione razzista come la Bossi - Fini (ndr, Bossi era a capo della Lega Nord, partito di cui è segretario attualmente Matteo Salvini), che ha indotto i lavoratori in una terribile condizione di subalternità e sottomissione. Insomma, sarebbe ora che iniziassimo tutti a vedere nel migrante un arricchimento per la nostra nazione, la nuova forza lavoro del futuro, e non a considerarlo come un problema. In più, credo sia importante ricordare che dietro ogni migrante c'è una persona, con dei doveri, ma anche con dei diritti inalienabili, che non può arrivare in Italia, se davvero bisognosa di protezione, per essere respinta, lasciata in balìa del mare o, peggio ancora, alla mercé di spietati sfruttatori. Il mondo è un paese di tutti. Per tutti. 


Anna Murgia
ultimo aggiornamento 28/06/2018 ore 19:00

Disclaimer: Eulogos si limita ad accettare i contributi dei suoi collaboratori, ma non necessariamente ne condivide il contenuto o l'ideologia politica/culturale/religiosa. Il pensiero di ogni firma potrebbe dunque, non rappresentare quello di ogni membro della redazione.


Commenti

  1. in Italia comando io…. a casa mia sono io il capo?? No??? Che è sto buonismo?? iL MONDO E' DI TUTTI andatelo a spiegare ai nostri amici :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. HAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

      Elimina

Posta un commento

Il tuo commento, prima di essere pubblicato, sarà valutato da Eulogos.

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

La notizia. Droga e ragazzi: un binomio pauroso

Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi…