Passa ai contenuti principali

Diario di un musicista. "Libera" (Farru) al De Castro: «La mafia? Globalizzata. E l'antimafia?»



Stamattina si è tenuta nel nostro Istituto la conferenza del professor Gianpiero Farru, referente regionale di "Libera" e occupato anche nell'ambito del volontariato. Scopo dell'incontro era quello di preparare gli studenti alla Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, organizzato da Libera, che si terrà il 21 marzo su tutto il territorio nazionale, compreso in Sardegna, ad Alghero. È stato un incontro molto interessante: alle risposte esaustive date da Farru a due ragazzi, Lorenzo e Chiara, che l'hanno intervistato, si sono alternati altri studenti che, accompagnati dal pianoforte, hanno recitato delle letture tratte da scritti, per citarne qualcuno, di Giovanni Falcone e Roberto Saviano. Si è parlato degli obiettivi di Libera, che, secondo Farru, "prova a riaccendere le coscienze dei cittadini sul fenomeno mafioso"; molto interessante è stata l'analisi del professore sul fenomeno della globalizzazione della mafia, che si è posto ( e ci ha posto) un quesito non indifferente:- La mafia si è globalizzata. Ma quanto l'antimafia?; e di antimafia si è parlato in modo più approfondito successivamente, quanto si è messo in risalto l'importanza culturale della scuola contro queste pericolose organizzazioni criminali. - Già la scuola, l'istruzione- afferma Farru- sono un utilissimo strumento antimafioso-. Alla domanda:- Cosa s'intende per criminalità organizzata?- Il professore risponde:- Noi non siamo esperti di criminalità. Sappiamo però che le Mafie non sono associazioni benefiche, non lavorano per il bene comune. Tolgono diritti e opportunità a territori e persone. Sono in collusione con pezzi della politica-. E aggiunge:- La mafia in questi anni ha cambiato strategia. Non è rumorosa. Non vuole essere rumorosa. Sono tornati alla strategia degli anni '70: vogliono far credere che la mafia non esiste-. La discussione si è poi ampliata anche al rapporto ( spesso contraddittorio) fra Chiesa e Mafia:- Molti preti-spiega infatti Farru- sono stati uccisi dalla criminalità organizzata. Ma, in alcuni paesi, durante le processioni, avviene l'inchino della Madonna davanti all'abitazione del boss-. Si è parlato inoltre della lotta alla povertà, della differenza fra Mafia e Camorra, dell'omertà, e di tante altre cose. Ci vorrebbe un libro per elencarle tutte in modo esaustivo. Il professor Farru è riuscito davvero ad interessare il pubblico di studenti partecipanti all'incontro. Sarà riuscito a prepararci  bene per il 21 marzo? Secondo me sì!

Disclaimer: Immagine di copertina di Shutterstock, ogni diritto riservato. 

Riccardo Rosas
ultimo aggiornamento il 15/03/2018 ore 17:50

Commenti

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

La notizia. Droga e ragazzi: un binomio pauroso

Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi…