Passa ai contenuti principali

La notizia. È nato Eulogos: un giornalino che dà voce agli studenti del De Castro di Oristano

È nato Eulogos, il giornalino scolastico, redatto da un gruppo di studenti del Liceo Classico S.A. De Castro di Oristano. Eulogos, in greco antico, significa giusto e ragionevole. La nostra ambizione è quella di diventare  un giornalino con queste qualità. Gli obiettivi sono perseguiti per mezzo di una redazione eterogenea composta di dieci persone, provenienti sia dalle aule del liceo, sia da quelle del ginnasio. Il nostro desiderio è quello di essere la voce autorevole del mondo studentesco del De Castro di Oristano, in tutta la sua completezza. 
Ci serviamo di mezzi moderni (i social e il blog), senza uscire dal solco di una tradizione scolastica di comprovata efficacia (il cartaceo, con 3 pubblicazioni annuali). Non rappresentiamo testata giornalistica, in quanto questo sito viene aggiornato senza alcuna periodicità ed è a fini educativi e formativi (in poche parole, nessun collaboratore, direttore incluso, riceve compenso per quest'attività volontaria con valore didattico). Alla luce di ciò, Eulogos non può essere considerato un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.
Un'altra nostra ambizione è quella di realizzare, col passar del tempo, interviste e tanti altri contenuti esclusivi: insomma,  siamo un mondo da scoprire! E ogni giorno cresciamo, assieme anche a
voi, pubblico. 


                                                                    Il direttore di Eulogos 

Commenti

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

La notizia. Droga e ragazzi: un binomio pauroso

Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi…