Passa ai contenuti principali

Perché la xenofobia è il nostro coltello (ma la cui lama è a doppio taglio)


Oliviero Toscani, "Razza umana". Ogni diritto è riservato al legittimo avente diritto. 


Macedonia di parole. Cominciamo dal termine (apparentemente) greco "xenofobia". Questa è una parola che farebbe rabbrividire i greci, ben inclini, come già sappiamo, all'accoglienza dello straniero, dello xénos, verso il quale non provavano assolutamente alcuna paura, fòbos. E invece, oggi, la parola xenofobia, erroneamente ritenuta greca, ma coniata nei primi anni del '900 dallo scrittore francese Anatole France, sta tornando di moda: la paura del confronto, il timore di quello che non conosciamo, si  staglia minacciosamente sulla nostra civiltà. E lo scenario, desolante, attuale ci impone di farci giusto due domandine.

«L'Italia è uno dei paesi più xenofobi d'Europa», ci spiega Gilberto Corbellini, docente di bioetica all'Università "La Sapienza" di Roma. «Il 70% della popolazione ha (ad esempio, ndr) paura degli immigrati e tra le 10 città europee più razziste 4 sono italiane (Torino, Bologna, Roma e Napoli). Viviamo in un paese profondamente egoista e xenofobo».

Un interrogativo ancora aperto. Ma perché è così diffusa la xenofobia in Italia? Probabilmente, conta il fatto che la nostra nazione è anzianotta. E, ancora, conta  che l'80% della popolazione è funzionalmente analfabeta; vale a dire che questa percentuale di persone legge le notizie e, più in generale, si informa in modo strumentale, senza dedicare la giusta attenzione alla decodifica del fatto in sé. Il terreno dell'ignoranza è fertile per i semi dell'odio e dell'intolleranza. Ma c'è un altro problema: noi tutti siamo xenofobi, e per transitività razzisti, connaturatamente. La xenofobia è infatti nel nostro DNA. Comportamento molto adattivo nel mondo preistorico, e tutt'oggi diffuso tra gli animali che, si noti bene, vivono d'istinto, l'avversione verso il diverso, come tutela per la propria sopravvivenza, pare ancora dura a morire.

Esperimento sociale, condotto dai The Show, che mostra quanto l'informazione strumentale sia dannosa. 

Razza di … umano! Lo si sa, la xenofobia va a braccetto con il razzismo. Altrettanto inutile scrivere che le razze, razza sinti, razza africana, razza degli ebrei, delineate ai tempi hitleriani,  non esistono più, anzi, non sono mai esistite. È incomprensibile averne paura. Gl uomini sono tutti di una grande macro - famiglia. Fortunatamente, alcuni lo capiscono: sono gli stessi che ripudiano, abiurano, le discriminazioni per colore della pelle. Lo scienziato Francesco Cavalli - Sforza, divulgatore scientifico di lunga data nonché cattedratico della San Raffaele di Milano, aggiunge a tal proposito: «L'incrocio tra le popolazioni funziona meglio. E il meticciato fa bene al corpo e alla mente, in senso evolutivo si intende. E anche qui la motivazione è scientifica. È il cosiddetto "vigore degli ibridi". (…) La varietà (…) è la migliore garanzia di sopravvivenza delle generazioni future». Il razzismo vale zero, a conti fatti, perché la sopravvivenza nostra è legata alla formazione di una società "a mosaico", dove tutti sono piccole tessere che si incastrano e formano una bellissima opera d'arte che è un corpo armonioso.

Anima e cuore. E se qualcuno ha dedicato anima e mente (quale mente?) al razzismo, alla xenofobia, tanti uomini, e tante donne, hanno sviluppato una virtù, per noi contemporanei cristallizzata  in una parola magica che già esisteva ai tempi greci, fondamentale per vincere l'odio verso lo xénos: l'empatia, il riconoscimento in ogni essere umano di un proprio fratello o una propria sorella. Capire gli altri, agli occhi dello xénos, ci rende simpatici, cioè in grado di "partire la sua medesima sofferenza". E ci trasforma in esseri accoglienti, col dono di cogliere il bello in ogni anima, bypassando il colore della pelle o il taglio degli occhi. 


Anna Murgia 
Alessio Cozzolino ha collaborato alla stesura di questo report (Razza di ... umano; Anima e cuore).
ultimo aggiornamento ore 19:16 del 27/08/2018

Commenti

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

L'opinione. Il sindacalista ivoriano: «Salvini, noi immigrati sfruttati». E la sinistra gli plaude

Aboubakar Soumahoro è oggi un nome, anche se non ancora conosciuto da molti, che piace pronunciare per rappresentare il PD. Dirigente del sindacato autonomo Usb, Soumahoro è italo - ivoriano, di cittadinanza italiana, ha 38 anni e, dopo aver partecipato a scioperi e manifestazioni per ricordare l'omicidio di Soumaila Sako, attivista ventinovenne malese in forze presso il suo stesso sindacato, ucciso lo scorso 2 giugno a San Calogero (nel Vibonese) in una sparatoria, continua la sua lotta per difendere i diritti dei braccianti agricoli sfruttati nelle Piana di Gioia Tauro e costretti a vivere in condizioni precarie nella tendopoli di San Ferdinando. Dopo la frase del Ministro degli Interni Salvini, la nota «la pacchia è finita (…). I migranti hanno mangiato alle spalle del prossimo troppo abbondantemente», Soumahoro, durante lo sciopero dello scorso 4 giugno, ha replicato: «Salvini dichiara che la pacchia è finita. Per lui, non per noi. Soumaila era un cittadino, un bracciante, u…