Passa ai contenuti principali

Diario di un musicista. Insieme si vince, se insieme si lotta. E il male, la mafia, «avrà fine»


Prima dicevano che non esisteva. Ora, qualcuno si illude che sia stata sconfitta. Stiamo parlando delle mafie, organizzazioni criminali che, radicandosi capillarmente nel tessuto sociale, politico, economico e culturale (non solo del Sud), ma anche di tutta Italia, hanno formato uno "stato" a sé stante. Uno "stato" il cui potere è dato dalla corruzione, dalla violenza e dall'oppressione delle persone oneste. Questa situazione era la normalità per gli uomini e le donne che vivevano nei territori governati dalla mafia. Nessuno scandalo, nessuna indignazione, nessuna opposizione. Non c'era differenza fra legalità e illegalità. Poi, sono arrivate delle persone, che hanno combattuto la mafia e cercato di aprire gli occhi alle persone vessate da quel sistema criminale. E come lo hanno fatto? Unendo la gente corretta, onesta, animata da un unico valore: quello della giustizia.  Il che, se ci pensiamo bene, è la stessa cosa: la Bastiglia è stata presa dal popolo, non da Pierre - Augustin Hulin. La Liberazione non è stata fatta solo dai partigiani, ma anche dai contadini che li nascondevano nei fienili, dalle donne che portavano loro da mangiare. Carlo Alberto dalla Chiesa, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e tanti altri hanno capito questo. Hanno voluto combattere non solo per noi, ma con noi.  Hanno lottato, rinunciando a svaghi, famiglia, per assicurarci un futuro migliore, senza sapere se il loro sacrificio sarebbe servito, senza sapere se qualcuno avesse poi raccolto il frutto del loro lavoro Alla base, erano ispirati da un umile principio: che la lotta alla mafia non l'avrebbero vinta loro, ma gli altri che, negli anni seguenti, l'avrebbero continuata. E noi, che stringiamo in mano quest'importante testimone, come possiamo combattere la mafia? «Ho visto che, come professore universitario, ho potuto fare molto di più per combattere la mafia rispetto a quando ero in Parlamento», spiega Nando dalla Chiesa, durante la conferenza che ha tenuto nella nostra scuola. Ciò dimostra che il cambiamento può partire proprio da tutti noi, dal basso. Non dobbiamo aspettare un comando dagli altri per dare il nostro contributo contro la criminalità, fermando comportamenti violenti, relazionandoci con le Autorità. Ancora oggi la mafia non è sconfitta. Ci sono tantissimi magistrati e uomini delle Istituzioni che rischiano la loro vita per lo Stato, per la legalità, per me e per voi. Ma resta un barlume speranza: cosa diceva Falcone? «La mafia non è affatto invincibile: è un fatto umano e come tutti i fatti umani ha un inizio e avrà una fine». Dobbiamo solamente crederci. 


L'autore Riccardo Rosas è uno studente del Classico De Castro e del Conservatorio di Cagliari. Amante della storia e della musica, vorrebbe conseguire, in un  neanche troppo lontano futuro, una laurea in scienze storiche. 



(Ultimo aggiornamento lunedì 12 marzo ore 20:23)

Commenti

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

La notizia. Droga e ragazzi: un binomio pauroso

Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi…