Passa ai contenuti principali

Universi e università. Le idee della storia spiegate dall'Universita di Sydney


Studiare storia all'università ti permetterà sia di espandere la tua conoscenza di come, e perché, il mondo di oggi sia diventato moderno, sia di migliorare la tua abilità di pensiero, il tuo senso critico, e la tua capacità comunicativa. La storia ti insegna a vedere i fatti in un'ottica di causa ed effetto e ti fa capire perché gli eventi mutino o, in certi casi, restino inalterati. 
Essere in grado di comprendere appieno i cambiamenti è una capacità essenziale, ai giorni nostri, e non solo in ambito professionale. La storia ti obbliga a guardare lo scenario attuale da prospettive diverse - persino da quelle di persone molto "lontane". Ma ricorda: hai bisogno di una speciale dose di immaginazione e rigore analitico per capire come un rituale medievale o una protesta luddista contro l'industrializzazione possano incarnare pensiero e strategia, e non solo superstizione e slancio alla violenza. Comprendere le persone, le date, gli eventi e le culture nei loro luoghi natii  è una delle cose più soddisfacenti dello studiare storia. Inoltre, questa disciplina, a dispetto di quanto si possa pensare, è estremamente pratica, preparandoti per diversi ambienti lavorativi nei quali è d'obbligo negoziare con menti diverse.
In sintesi:



Da cosa dipende la ricerca storica
 La ricerca storica, tra le altre cose, dipende dallo studio di una variegata, e talvolta confusa, realtà - documenti governativi, lavori artistici, canzoni di corte,  carteggi privati,  diari, film, dati, pubblicità, manufatti, in pratica qualunque cosa sia utile a conoscere il passato. Elaborare disparati elementi di prova difficilmente assemblabili tra loro, e giudicarne i relativi punti di forza e limiti, è la competenza trasversale offerta dallo studio universitario della storia. Qualunque sia il percorso della tua carriera, essere in grado di valutare e problematizzare un gruppo di informazioni discordanti è un'abilità che ti accompagnerà oltre le mura dell'Ateneo e che ti renderà pronto a rispondere alle sfide imprevedibili della vita. Il nostro modo di fare storia è un modo di vivere. A noi la storia piace: e a voi?

Università di Sydney
prima versione, in inglese, reperibile qui
traduzione e adattamento in italiano a cura di Alessio Cozzolino 
ultimo aggiornamento 8/08/18 alle ore 20:03

Commenti

Post popolari in questo blog

L'intervista esclusiva. «Io e Nicola? Molto amici». Riccio si racconta a Eulogos

«La mia prima esperienza di rappresentanza studentesca, cominciata da quella di classe,  è avvenuta in quarta ginnasio». È questa la confessione, lievemente malinconica, dell'oristanese Francesco Riccio, storico rappresentante d'istituto, diciannovenne, maturando 2018. Francesco, un ragazzo alto, ben piantato, dal tono perennemente compito e i modi diretti, possiede un fiuto da segugio verso i problemi degli studenti e alla minima necessità dei suoi compagni d'Istituto, come per riflesso pavloviano, interviene con mano chirurgica. Ora che una nuova realtà scolastica, l'università, lo attende, Francesco si prende il giusto tempo per guardarsi alle spalle e raccontare se stesso. E sceglie di coinvolgere, in questo percorso di introspezione, anche Eulogos.
Prima esperienza di rappresentanza di classe: fallimentare o di successo? «È acqua passata».
Nulla da aggiungere? «A me è piaciuto molto quel compito: peccato non mi abbiano rieletto per il secondo anno».
Quando hai pens…

Mondo scienze. Perché insegniamo matematica? L'insegnante Molinari risponde

Immagine tratta dal Corriere della Sera. 



Perché insegniamo matematica? In varie parti del mondo, le attuali riforme sembrano porre l'accento soprattutto sull'utilità/necessità della matematica, per la carriera lavorativa ma anche per la difesa nazionale o per gestire l'economia. In un documento del 2000, «il NCTM (National Council of Teachers of Mathematics) afferma in modo netto che gli studenti hanno bisogno di apprendere la matematica, e per estensione noi docenti di insegnarla, per motivi che vanno oltre, ma comprendono, "la Matematica necessaria"». La matematica può servire per la vita, perché conoscerla può «dare soddisfazione personale e un senso di sicurezza », la matematica è parte del patrimonio culturale, serve per il lavoro e per la comunità scientifica e tecnologica. 
Personalmente,  ho scelto di insegnare matematica, perché mi ha sempre rilassato: per me, svolgere i temi d'esame della maturità, quando frequentavo la quinta liceo scientifico, era …

La notizia. Droga e ragazzi: un binomio pauroso

Esiste una bellissima (e alquanto nota) poesia di Jacques Prévert che si intitola "I ragazzi che si amano", di cui sono affascinata (potete leggerla qui). Mi è tornata in mente all'inizio di questo articolo, e ho pensato che si potrebbe sostituire, con uno sforzo di fantasia, la parola "amano" con il vocabolo "drogano". Infatti, proprio come gli innamorati, i drogati appaiono distanti, strani, immersi in una dimensione che non è quella ordinaria, regolare, prevedibile. I tossicodipendenti sembrano emergere dall'ombra della realtà per abitare i limiti della stessa. Eppure, non sono che ragazzi comuni, provenienti da diversi ambienti sociali e da situazioni familiari differenti. Basta entrare in un qualsiasi istituto per incontrarli. Spesso se ne conoscono i nomi, ma ciò che fanno viene riportato quasi come una leggenda, un affare vago di cui non si può confermare la veridicità, a meno di non assistere personalmente all'evento. Perlopiù, questi…